Non ho smesso di pensarti

Bukowski amava la poesia quanto la prosa, anzi, forse anche di più.

E l’attitudine alla narrazione della realtà quella vera, fatta anche di sporcizia, ubriachezza, vuoto, dipendenza da alcol e sesso,  non risparmia neppure questo tipo di produzione, in genere fortemente caratterizzata dal linguaggio di chi non ha più niente da perdere. [...]